giovedì 15 dicembre 2011

L'età collettiva

Sono andata in negozio per animali a prendere una medicina per il mio cane. In questa  piccola cittadina dove abito e che amo molto,che chiamerò Gozzovigliate, che non si trova nell'interland milanese ma nell'entroterra del  centro Italia, le poche  fabbriche sono state chiuse.Rimangono a mantenere le famiglie i dipendenti pubblici e i pensionati. I professionisti lavorano, ma solo talvolta vengono pagate le loro parcelle.Lavorano per mantenere la loro posizione e per il prestigio che ne deriva.Ultimamente anche gli artigiani la pigliano nel sacco sempre più spesso.Qui lavorano anche molte badanti, essendo alto il numero di anziani ed trattandosi di una zona tutto sommato ricca, ma di capitali immobilizzati da decenni.
Liquidità spicciola non ce n'è. L'acquisto di un cappotto si pondera come quello di un'automobile.
E' molto sentita, come in ogni altra cittadina provinciale , l'esigenza all'ostentazione, tant'è vero che sono chiusi da tempo i negozi  da prezzo, mentre  le griffe false vanno alla grande.Ora anche gli altri negozi stanno cominciando a chiudere.La popolazione qui è bizzarra, probabilmente perchè geograficamente isolata da secoli ed ha sviluppato tradizioni e mentalità particolarissime.Il Mc Donald per esempio  ha chiuso, non ha retto al confronto con le tradizioni alimentari locali( decisamente più elaborate e varie). Mi ricorda molto quella del villaggio inespugnabile dei Galli di Asterix e Obelix dei fumetti di Uderzo. La città è di una bellezza commovente ed infatti ultimamente è sempre più visitata, trattandosi di un aggraziato insieme di architettura romana  e medioevale, con stile  romanico, gotico ed anche barocco. E' piena di ponti e di torri.   Non manca nulla.Ogni giorno, quando la rivedo, mi sembra una anziana signora elegante che coi suoi modi gentili tenta di far perdonare i modi spicci dei suoi ospiti/abitanti.Scusate la divagazione, ma nonostante il mio curriculum ,abito in un posto che mi fa sembrare in vacanza.
Dicevo dunque che in questo contesto sono andata al negozio di articoli per animali ; c'era la coda..eh eh.Una quantità di gente comprava cappottini per cani da 60 Euro, sacchi di cibo secco a costi maggiori di filetto con asparagi, cucce faraoniche, grattaunghie per gatti che paiono mausolei.Una parure giunzaglio collare di swaroswki costava 90 Euro.Mi è sembrato di aver cambiato città.Per carità, qualche ricco ci sarà anche qui e si sa che i ricchi sono rimasti i soli a spendere. Ma lì c'era una fila di ricchi, che non comprava oggetti per la casa o telefonini, o computer o giocattoli educativi o accessori per neonati. Comprava cucce per cani, giocattoli, cibo ecc.
Così ho avuto un'abbagliante illuminazione: l'umanità è adolescente. Intendo dire che tutta l'umanità, presa nel suo insieme, ora si trova nella fase adolescenziale. Tutti noi singolarmente costituiamo una moltitudine che lentamente evolve, cresce ed ora siamo collettivamente adolescenti: con questo si spiegherebbe la generale ossessione per il sesso, i videogiochi, per i cuccioli e le discoteche.L'amore viene idealizzato e la sua aspettativa governa irrazionalmente ogni nostra attività, ma non siamo capaci di condurlo alla realtà e suoi aspetti più impegnativi ci spazientiscono.Non è da adolescenti, questo?
Gli adolescenti, si sa, sono ancora piuttosto irresponsabili, talvolta si fanno male, commettono errori di cui poi non sanno prendersi la responsabilità, abusano di soluzioni e sostanze varie.
Tengono la camera(leggi pianeta) in condizioni penose, hanno gusti artistici alquanto primitivi(l'arte di oggi mi pare primitiva e semplice), sono impietosi coi vecchi e i bambini ( pensate al tg e a tutti maltrattamenti a bambini ed anziani), ma si sciolgono di tenerezza davanti ad un peluche, o ad un cucciolo.Andate a leggere questo articolo
L'adozione di un cucciolo è in genere il secondo passo delle giovanissime donne nell'affrontare i loro istinti alla maternità, dopo gli anni delle bambole e dei pupazzi Ovviamente deve essere come dicono loro,  scelgono la razza e le dimensioni. La situazione è ancora giocosa, non genitoriale. Non pensano che il cucciolo è un cane, sporca casa, ha delle esigenze specifiche. Si renderanno conto di questi aspetti solo accudendolo, tra trastulli e vestitini; da questa esperienza poi potranno germogliare le competenze del genitore maturo, più consapevole del rapporto tra dare e ricevere.
I bambini ora invece mi paiono considerati molto poco dalla collettività.Al di là degli entusiami iniziali suscitati dal loro aspetto tenero e goffo non si va.Nella lunga attesa  che crescano, una volta messi al mondo, li parcheggiamo qua e la  come se fossero zucchine nell'orto. Si bada ad alimentarli e a vestirli convenientemente, ma nulla di più.E' raro che qualcuno legga loro le fiabe regolarmente.Li si parcheggia davanti alle baby sitter elettroniche e amen. Non c'è PASSIONE per loro.Conoscete in giro appassionati di pedagogia? Qualcuno che si entusiasma a trascorrere tempo con cuccioli d'uomo arricchendo le loro esperienze?Qualcuno che provi piacere nel portarli fuori?Molte mamme che tentano queste attività ne escono a pezzi, non del tutto propense a ripetere l'esperienza.C'è qualcuno pazzo di gioia  che inventa  ed organizza giochi o tornei  per loro?Nel caso segnalatemeli.Se pure ci fossero, sono realtà isolate poco segnalate  per le quali non c'è interesse generale.Io ho conosciuto solo veri appassionati di addestramento canino. Centri di agility dog dove molte persone trascorrono ore a fare correre il loro cane dentro a dei tubi o fra staccionate, che vengono mostrati nei telegiornali. Si fanno molti servizi stampa su canili e sulle mostre di cani o gatti ma non si parla  di  bambini e gli anziani, se non termini di incombenze, solitudine e noia.
I genitori, i docenti, vivono i loro ruoli in una cappa di commiserazione sociale che deprime ogni idea o slancio e riflettono questo stato d'animo sui bambini e sugli anziani traducendolo in una sorta di distratto, annoiato accudimento limitato al minimo. La gravidanza stessa è vissuta come foriera di problemi, rischi e pericoli. Analisi , controlli, grandi dilemmi circa la salute del nascituro.  E' medicalizzata con la precedenza sulla  paura,non in virtù di una maggior ricchezza di vita. Del resto, malattie, vecchiaia e morte terrorizzano gli adolescenti. Per la nostra società malattia , vecchiaia e morte sono tabù resistentissimo.
E' comunque un lieto indizio  di sviluppo questa cultura di maggiore attenzione verso il mondo animale,che ne ha il completo diritto. Spero di arrivare anche ad un più ridotto e responsabile consumo di carne, ad allevamenti rispettosi, insomma ad una cultura generale d'amore verso le altre specie.Ora è  ancora perfezionabile perchè spesso impropria; è comunque una forma d'amore che auspicavo già tanti anni fa.
Sono certa che sia un amore precursore di quello che verrà, affiancandolo entusiastico, tra qualche secolo per i nostri bambini e per i deboli in genere. E' in ogni caso un ottimo, fantastico  segno.
Considerando che nel rinascimento avevamo circa 8 anni e ora ne abbiamo 14, dunque verso il 2500 ne avremo 20. E' lunga, eh? Dal 3000, 3500 in poi forse saremo genitori più maturi. Intanto stiamo crescendo.
Ma questo è solo un discorso in generale.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...